Dagli anni ’90 ad oggi

Dal 1985 il fotografo si concede una pausa dalla metropoli, dedicandosi ai numerosi viaggi in giro per l’Italia e per il mondo. Il ritorno alla sua Milano avviene a dieci anni di distanza, nel 1994, quando alcune committenze specifiche forniscono nuovi stimoli a Carnisio, portandolo a volgere lo sguardo verso aspetti specifici della città di Milano, finora mai trattati: sono gli anni in cui realizza le cartelle tematiche “Milano: palazzi e cortili patrizi”(1994), “Milano: dimore storiche” (1995) e “Milano ricorda” del 1998, dedicata alle targhe commemorative poste sui muri della città.
Dall’anno 2000 Carnisio riprende il suo rapporto intimo con la città di Milano, realizzando nuove ricerche tematiche: nel 2001 “Milano: le Madonnine”, dedicata alle testimonianze di devozione mariana sparse in città. Del 2002 è il lavoro minuzioso di ricerca dell’antica numerazione civica di età austriaca che confluirà nella cartella “Milano: i vecchi numeri civici”, mentre del 2004 è la cartella “Milano: le scuole civiche dei primi del ‘900”.
L’attenzione perennemente vigile di Carnisio nei confronti della città e dei suoi cambiamenti in atto è testimoniato dagli scatti realizzati nel 2007, alcuni dei quali raccolti nella cartella “Milano cambia volto: Bicocca e Bovisa dall’industria alla cultura”.
Ancora oggi Carnisio compie i suoi giri per la città, scattando foto alle grandi aree in trasformazioni, come il quartiere dell’Isola, che sta monitorando da qualche tempo. Questo a dimostrazione del fatto che lo spirito di ricerca che lo ha sempre animato in questi anni ancora non si è sopito.